L'opinione di Giovanni Saracco

20 dic 2017

Salomonici sempre.

Raccogliamo l'appello del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e proviamoci a ritornare donne e uomini come si deve per intanto in occasione delle prossime Festività.

Ciascuno confrontandosi con se stesso.

Confermandoci nelle cose che ci convincono, correggendoci dove riteniamo sia giusto, necessario.

Soprattutto guardando agli altri come a tanti se stessi alla ricerca del meglio di sé.

Per vivere meglio personalmente, in armonia con l'universo umano ed ambientale, cioè se stessi, contenti di esserlo sempre di più.

Facendo quanto si reputa giusto dove si vive ed opera, in libertà, con il solo limite del rispetto di quella altrui.

Critici se lo riteniamo giusto ma costruttivi sempre, cioè mettendoci dentro il meglio di sé. Anche tignosi all'occorrenza ma sempre per fare o suscitare il meglio di sé e degli altri.

Ricordando che la condizione preliminare è di operare sempre e subito perché tutti vivano in dignitose condizioni.

Ricordandosi che tutto è vita sia quanto piace, quando meno o per nulla.

Salomonici sempre, e di più quando si è investiti di responsabilità elevate.

Applicando interamente la Costituzione e la propria coscienza con coerenza in sfida continua con se stessi.

Con un unico immenso obiettivo: il massimo possibile di felicità per sé e per tutti, gustandone tutti i giorni come artefici consapevoli.

19 dic 2017

Questa è la posta in gioco.

In vista delle elezioni politiche della prossima primavera si stanno delineando le coalizioni che si contenderanno i seggi nei due rami del Parlamento: Camera dei deputati, Senato della Repubblica.

Perché questa è la posta in gioco.

Verosimilmente si tratterà del centrodestra con la Lega di Matteo Salvini; Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni e Forza Italia di Silvio Berlusconi specchietto per le allodole, perché incandidabile con sentenza passata in giudicato.

Del centrosinistra con il Partito Democratico di Matteo Renzi, gli  Europeisti di Emma Bonino, i Socialisti della "Rosa nel pugno", i Nuovi verdi, i Centristi per l'Europa di Pierferdinando Casini, una parte di AP che si divide dopo che il suo leader Angelino Alfano ha deciso di non ricandidarsi.

Del M5S che fa coalizione a sé.

Dalla recente formazione "Liberi e Uguali" che coalizza la sinistra.

I sondaggi sulle intenzioni di voto evidenziano che centrodestra, centrosinistra e M5S si dividerebbero sostanzialmente la maggioranza dei voti, ma nessuno otterrebbe la maggioranza dei seggi in Parlamento; né si possono ipotizzare alleanze tra loro dopo il voto per formarla.

Nemmeno "Liberi e Uguali", data al 7% circa dai sondaggi, potrebbe risultare determinante nella non attuale ipotesi di un'alleanza col centrosinistra dopo le elezioni.

Una situazione di stallo.

Che potrebbe indurre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a prorogare la durata del governo Gentiloni per l'ordinaria amministrazione per dare il tempo di trovare una soluzione.

Handicap analogo nel quale è già incorsa la Spagna qualche tempo fa uscendone senza subire danni.

Una scossa positiva potrebbe comunque darla la candidatura di persone volitive, capaci, competenti, probe, eticamente motivate a servizio dell'interesse generale e del bene comune.

Tali da fare tornare la voglia di ritornare a votare a milioni di italiani che non ci vanno più.

Rimescolando così democraticamente il tutto e distillando il meglio, per raggiungere direttamente  o attraverso alleanze serie, programmatiche e di legislatura  la maggioranza occorrente.

 

 

 

7 dic 2017

Ora né carne né pesce.

Proviamo a fare il punto su alcune leggi ritenute particolarmente importanti che il Parlamento avrebbe dovuto approvare prima della scadenza naturale della legislatura nella primavera prossima.

Esse sono: 1. Biotestamento, cioè il diritto delle persone di rifiutare l'accanimento terapeutico. 2. Jus soli, cittadinanza italiana a figli di immigrati nati o cresciuti in Italia. 3. Codice antimafia, che estende il sequestro dei beni anche agli inquisiti per reati di corruzione. 4. Processo penale, allungamento dei tempi di prescrizione per sanzionare reati particolarmente gravi. 5. Tortura, istituzione del reato per salvaguardare l'integrità psico-fisica delle persone  finora prive di tutela giuridica da questo punto di vista..

Tre di queste leggi sono già state approvate e vigenti; per il Biotestamento è prossima l'approvazione: Resta lo Jus soli per il quale serve ancora un po’ di tempo.

Dall'approvazione di quest'ultima legge pare dipendere il perfezionamento della coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni, di cui il Partito Democratico è riferimento essenziale.

Ad essa stanno lavorando in particolare Giuliano Pisapia già sindaco di Milano e Piero Fassino suo omologo a Torino.

L'auspicio è che anche quest'ultima legge vada in porto, soprattutto per l'importanza che essa riveste per poco meno di un milione di giovani ora né carne né pesce; pur disponendo di tutti i requisiti: lingua, integrazione, cultura, per essere considerati italiani a tutti gli effetti.

Quindi il governo Gentiloni e la maggioranza che lo sostiene in Parlamento non demordano, confermando impegno e concretezza nel corrispondere alle attese  del Paese in ripresa.

5 dic 2017

Mi sono pizzicato alcune volte.

Mi sono pizzicato alcune volte per accertarmi di essere desto. È successo domenica 26 novembre scorso vedendo su rai 1 "Che tempo che fa".

Silvio Berlusconi stava ripetendo quasi alla lettera quanto detto ventitrè anni fa quando scese in campo "per difendere l'Italia dal comunismo", riducendo in brache di tela gli italiani con lo "spread" a 540 punti, lui dimissionario da capo del governo, e un nuovo governo d'emergenza per tamponare la drammatica situazione in cui aveva precipitato il Paese.

Come se non bastasse vi aggiunse condanne che lo privarono, tra l'altro, del cavalierato e dalla possibilità di ricoprire qualsiasi carica istituzionale.

Con il recente ricorso all'Alta Corte Europea di Strasburgo si ripromette di ricuperare soprattutto la possibilità di candidarsi alle prossime elezioni politiche, sperando di vincerle e di ricevere dal Presidente della Repubblica l'incarico di formare il nuovo governo

Riprendendo, come se nulla fosse, l'andazzo che portò l'Italia sull'orlo del baratro.

Aiutato ora dalla Lega di Salvini e da Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, con i quali Forza Italia è in coalizione.

Rivendicando il valore aggiunto di consensi personali che i sondaggi paradossalmente gli attribuiscono nonostante tutto.

Il personaggio ha  perso dunque un po’ di pelo ma non il vizio.

Contendergli i consensi diventa quindi il primario dovere politico del Partito Democratico e della coalizione di cui sarà parte, dopo l'impegnativo lavoro di costruzione in corso.

Utilizzando la forza che verrà dal voto di donne e uomini per continuare le riforme volte ad ammodernare lo Stato al servizio del lavoro di cittadini, famiglie, imprese e per estenderne l'accesso a quanti lo desiderano.

Utilizzando la ricchezza che si produce per migliorare le condizioni di vita a partire dalle persone che più ne hanno bisogno.

Rammentando che lo scopo principale della buona politica è di fare in modo che ad ogni persona sia data la possibilità di sviluppare le proprie capacità, perché possa esprimere il meglio di sé per sé e giovando in modo unico ed irripetibile al progresso del Mondo globale.

1 dic 2017

Compagno, fratello, amico.

È morto Luciano Nattino.

Straordinariamente lui fino al commiato.

Autore, attore regista. Fondatore del Collettivo teatrale "Mago Povero" ora "Casa degli Alfieri".

Lui e sua moglie Alba: musa, collaboratrice, sostenitrice.

Con radici profonde e vitali nel Monferrato in simbiosi creativa e generosa: un dono.

Compagno, fratello, amico  ispirava e dava fiducia, generoso, specchiato.

S'era fatto vivo lui negli anni ottanta del secolo scorso in un momento delicato sostenendo una iniziativa popolare a tutela dell'ambiente.

Poi s'infittirono le occasioni del nostro impegno al servizio del bene comune e dell'interesse generale, da lui già praticato nella pubblica amministrazione con competenza e talento comunicativo, ed attraverso il teatro.

Lungimirante, vicino ai meno favoriti insieme ad altri artisti precursori dei tempi.

Gli sono stato compagno in Consiglio Provinciale di Asti nei banchi dell'opposizione; una scuola di vita con simpatia: rigorosi, rispettosi, rispettati.

Poi ci si rivedeva ai suoi  spettacoli, alle iniziative di partito o da lui a Castagnole Monferrato.

In seguito meno frequentemente ma con immutato piacere.

Le prime avvisaglie del male, la diagnosi, le cure; sempre lui nonostante il radicale cambiamento delle condizioni di vita cui si adattò.

Alba si superò facendo della sua assidua vicinanza lo scopo della vita.

Ora ci sprona in spirito a non darci mai per vinti.

Ti vogliamo bene Luciano.

Buon viaggio.

Ciao.