L'opinione di Giovanni Saracco

20 dic 2017

Salomonici sempre.

Raccogliamo l'appello del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e proviamoci a ritornare donne e uomini come si deve per intanto in occasione delle prossime Festività.

Ciascuno confrontandosi con se stesso.

Confermandoci nelle cose che ci convincono, correggendoci dove riteniamo sia giusto, necessario.

Soprattutto guardando agli altri come a tanti se stessi alla ricerca del meglio di sé.

Per vivere meglio personalmente, in armonia con l'universo umano ed ambientale, cioè se stessi, contenti di esserlo sempre di più.

Facendo quanto si reputa giusto dove si vive ed opera, in libertà, con il solo limite del rispetto di quella altrui.

Critici se lo riteniamo giusto ma costruttivi sempre, cioè mettendoci dentro il meglio di sé. Anche tignosi all'occorrenza ma sempre per fare o suscitare il meglio di sé e degli altri.

Ricordando che la condizione preliminare è di operare sempre e subito perché tutti vivano in dignitose condizioni.

Ricordandosi che tutto è vita sia quanto piace, quando meno o per nulla.

Salomonici sempre, e di più quando si è investiti di responsabilità elevate.

Applicando interamente la Costituzione e la propria coscienza con coerenza in sfida continua con se stessi.

Con un unico immenso obiettivo: il massimo possibile di felicità per sé e per tutti, gustandone tutti i giorni come artefici consapevoli.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento. A presto.