L'opinione di Giovanni Saracco

2 gen 2018

Tre notizie tra le tante.

Tre notizie tra le tante: due buone, una no.  Cominciamo dalle buone.
Vito Mancuso nel suo recente libro "Questa vita" (Garzanti) si cimenta sul senso della vita e sostiene in modo convincente che esiste un'intrinseca armonia dell'agire umano, purché ci si rifaccia all'unicum che ognuno di noi rappresenta, per costruire con gli altri un mondo a misura di tutti i viventi: vegetali, animali, umani in sempre più consapevolmente conquistata comunità d'intenti.
Rimettendo in discussione la selezione dei migliori a scapito dei meno dotati e dimostrando l'indispensabilità del contributo di tutti per il benessere comune fonte di gioia nel suo continuo divenire.
Ne consegue che anche da questo punto di vista è necessario rivedere i principi dell'economia capitalistica, nella quale il prevalere di sempre più pochi sulle moltitudini rappresenta un grave ostacolo al riconoscimento concreto del diritto di tutti i viventi a condurre una vita dignitosa, cui corrisponde il dovere di fornire il proprio personale contributo.
Quasi a conferma di quanto sopra un imprenditore piemontese, la cui azienda medio-grande produce beni di ultima generazione nel settore della meccatronica con un organico preparato e partecipe, ha corrisposto ai dipendenti una "tredicesima" doppia come "doverosa partecipazione agli utili che il comune lavoro ha prodotto".
Contribuendo così ad inverare la nostra lungimirante Costituzione che all'art. 41 recita: "L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi ed i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali".
Al conduttore di pub nel centrale corso Vittorio Emanuele II a Torino invece le cose non vanno economicamente bene costringendolo a cessare l'attività che svolgeva da lustri con competente dedizione.
Antesignano nel disciplinare con paziente autorevolezza opposte tifoserie anche straniere lì per  contese del cuore da vivere in  diretta televisiva.
Compito arduo come Torino sa per recente dolorosa esperienza diretta.
È quindi un vero peccato che chi ha bene operato si trovi suo malgrado nell'impossibilità di proseguire il proprio lavoro.
Soggiacendo magari a concorrenze più attente ai vantaggi per sé che alla qualità complessiva del servizio prestato.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento. A presto.