L'opinione di Giovanni Saracco

7 dic 2017

Ora né carne né pesce.

Proviamo a fare il punto su alcune leggi ritenute particolarmente importanti che il Parlamento avrebbe dovuto approvare prima della scadenza naturale della legislatura nella primavera prossima.

Esse sono: 1. Biotestamento, cioè il diritto delle persone di rifiutare l'accanimento terapeutico. 2. Jus soli, cittadinanza italiana a figli di immigrati nati o cresciuti in Italia. 3. Codice antimafia, che estende il sequestro dei beni anche agli inquisiti per reati di corruzione. 4. Processo penale, allungamento dei tempi di prescrizione per sanzionare reati particolarmente gravi. 5. Tortura, istituzione del reato per salvaguardare l'integrità psico-fisica delle persone  finora prive di tutela giuridica da questo punto di vista..

Tre di queste leggi sono già state approvate e vigenti; per il Biotestamento è prossima l'approvazione: Resta lo Jus soli per il quale serve ancora un po’ di tempo.

Dall'approvazione di quest'ultima legge pare dipendere il perfezionamento della coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni, di cui il Partito Democratico è riferimento essenziale.

Ad essa stanno lavorando in particolare Giuliano Pisapia già sindaco di Milano e Piero Fassino suo omologo a Torino.

L'auspicio è che anche quest'ultima legge vada in porto, soprattutto per l'importanza che essa riveste per poco meno di un milione di giovani ora né carne né pesce; pur disponendo di tutti i requisiti: lingua, integrazione, cultura, per essere considerati italiani a tutti gli effetti.

Quindi il governo Gentiloni e la maggioranza che lo sostiene in Parlamento non demordano, confermando impegno e concretezza nel corrispondere alle attese  del Paese in ripresa.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento. A presto.