L'opinione di Giovanni Saracco

28 mag 2018

Didascalica.

In settant'anni di vita della nostra Costituzione l'Italia ha avuto Presidenti della Repubblica tra l'immenso e l'accettabile; nessuno però è venuto meno a quanto dispone la nostra Carta Costituzionale.

Sergio Mattarella ha tenuto ferma la barra sul suo ruolo nella formazione del nuovo governo dopo le elezioni del 4 marzo scorso, non accettando di ridursi a passacarte nominando Ministro chiunque gli venisse sottoposto.

Operando con alto senso di responsabilità, disciplina ed onore nell'interesse dell'Italia e degli Italiani nell'Unione Europea e con essa nel Mondo.

Circa i cambiamenti di quanto non va in Italia ed in Europa, essi hanno luogo con modalità e l'osservanza della nostra Costituzione e delle norme vigenti nell'Unione Europea, della quale siamo tra i Paesi fondatori.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento. A presto.