L'opinione di Giovanni Saracco

8 ott 2012

Obama e altri.

Sintesi.

Obama. E’ parso un po’ appannato e stanco nel recente confronto con Romney. Ma ce la farà per il secondo mandato, perché l’America sa che ha lavorato sodo e bene;

Merkel. Sta facendo buone mediazioni perché la Germania svolga un ruolo positivo per un’Europa solidale e federale;

Hollande. E’ serio, ha buone idee, fa quanto promesso; se ne giovano la Francia e i Paesi cui sta a cuore andare avanti insieme;

Monti. Non è un semidio ma sa fare bene le cose che servono. Merita continuare ad avvalersene, sperando che la voglia non gli venga meno;

Renzi. Deve potersela giocare fino in fondo, alla pari con gli altri contendenti, e il Pd opererà perché così sia;

Della Valle. Un sasso in piccionaia, l’invito agli imprenditori a fare la loro parte per superare le difficoltà in cui versiamo;

Grillo. La democrazia deve essere capace di discernere il buono in ciò che dice, e farne un uso appropriato;

Formigoni. La recente condanna in primo grado a dieci anni di Daccò per reati che riguardano il pubblico denaro, lo indurrà a ritenere almeno imbarazzante la sua frequentazione e a trarne le debite conseguenze?

Un amico. M’ha recentemente ricordato che dove c’è democrazia ogni popolo ha quella che si merita; ed anche che non piangersi addosso e non darsi per vinti può migliorarla;

Fornero. E’ una “ruscona” e già questo la salva; se poi si dedicasse anima e corpo a mantenere il lavoro che c’è ed a promuoverne di nuovo, “santa subito” sarebbe lo slogan più scandito.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento. A presto.