L'opinione di Giovanni Saracco

31 gen 2018

Senza giri di parole.

Diciamocela tutta senza giri di parole: non c'è stato un fascismo che ha fatto cose buone, e ne ha sbagliate altre nemmeno tutte per colpa sua.

C'è stata la dittatura fascista per oltre un ventennio durante la quale ha combinato disastri. Così tanti e gravi che è difficile tenere il conto. Per ricordarci e ricordarlo perché non si ripetano, la Costituzione ne fa memoria nelle "Disposizioni transitorie e finali" con la seguente didascalica perentoria espressione: "È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista".

Chiunque covi insani propositi o vellichi chi li coltiva già, per trarvi vantaggi elettorali pratica il populismo, indebolisce la democrazia e viola il Patto su cui si regge la nostra vita sociale.

Numerose persone si chiedono e chiedono perché il Partito Democratico sia in difficoltà nei sondaggi.

Ritengo che due cose debbono essere dette in modo chiaro ed esplicito

La prima; che il candidato a presiedere un eventuale nuovo governo espresso dalla coalizione di centrosinistra è Paolo Gentiloni, che ha fin d'ora il pieno appoggio del Partito Democratico.

La seconda; se per fare il governo occorrerà trovare l'intesa con altre forze politiche la priorità sarà di guardare alla coalizione promossa da "Liberi e Uguali".

Ricordando che nella vittoria dell'Ulivo di Romano Prodi nel 1996 incise l'accordo con Rifondazione per la "desistenza".

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento. A presto.