L'opinione di Giovanni Saracco

19 nov 2012

Valle Belbo

L’associazione “Valle Belbo Pulita” non demorde e tra le sue molteplici iniziative volte a tutelare l’asta fluviale ed il sistema ecoambientale vallivo di cui il Torrente rappresenta il fulcro, ne vanno annoverate altre due.

La prima consiste nel “Concorso di cultura ambientale Valle Belbo Pulita” 1ª edizione, per gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado, con il patrocinio del comune di Canelli, della provincia di Asti e del Miur, Ufficio Scolastico Piemontese, ambito di Asti.

Il concorso si prefigge di attivare e coinvolgere classi o gruppi di alunni di scuole comprese nel bacino idrografico del Torrente Belbo nelle province di Cuneo, Asti, Alessandria, nella conoscenza, ricerca, studio e proposte per migliorare le condizioni di vita e la fruizione pubblica del Torrente e del suo insieme.

La seconda riguarda la presentazione di quattro progetti per l’anno 2012 indirizzati alle classi 3ª, 4ª, 5ª delle Elementari e alle Medie, che si articolano: storia delle attività sviluppatesi lungo il corso del Belbo; studio delle caratteristiche fluviali ed ambientali con proposte migliorative dell’esistente; la depurazione delle acque reflue; le biodiversità nell’habitat.

Ad illustrare e seguire i progetti presso le scuole e nelle visite guidate, provvederanno Gian Carlo Scarrone ambientalista e presidente di “Valle Belbo Pulita”, il geologo Carlo Riccabone, l’ornitologo e conservazionista Umberto Gallo Orsi, anch’essi con ruoli direttivi nell’Associazione.

Informazioni relative alle due iniziative cliccando su http://associazionevallebelbopulita.wordpress.com/2012/11/14/progetto-scuole-2012-13-valle-belbo-pulita/.

L’osmosi scuola-società civile, con insegnanti e studenti attori protagonisti, contribuisce al meritorio impegno per la salvaguardia dell’integrità del patrimonio ambientale e la sicurezza idraulico-territoriale.

Condizioni essenziali per la vita ed il benessere del luogo in cui viviamo e di tutta la Terra.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento. A presto.